Prima casa, breve guida pratica nel labirinto del mercato immobiliare!

4 months ago Valentina Carmando Comments Off on Prima casa, breve guida pratica nel labirinto del mercato immobiliare!

Quella di acquistare casa è una decisione molto importante che spesso ti pone davanti ad infiniti dilemmi e paure.

Nessun problema, in questo articolo ti aiuteremo a trovare alcune risposte alle tue domande e ad incanalarti sulla giusta strada verso l’acquisto perfetto.

Partiamo dal principio. Per approcciarsi al meglio a questa esperienza è importante avere le idee chiare su due punti:

.1 La somma di denaro di cui si dispone.

.2 Che tipo di immobile si vuole acquistare.

Spesso le due cose vanno di pari passo e ancora più spesso la prima condiziona la seconda.

Per avere un’idea precisa sulla somma da spendere bisogna fare alcune valutazioni del caso.

Devi avere le idee chiare su quale sarà la spesa che vorrai e potrai sostenere mensilmente nel lungo periodo, a quanto ammonta il capitale che hai a disposizione e come vuoi ripartirlo nelle diverse spese extra.

Infatti il prezzo dell’immobile non è l’unica spesa che dovrai affrontare, ma nel calderone delle uscite dovrai inserire anche le spese notarili, necessarie e obbligatorie per legge in quanto, solo la firma del notaio sull’atto di compravendita, ufficializza il passaggio di proprietà dell’immobile. Il compenso del notaio è stabilito dalle tabelle professionali, ma è sempre consigliabile chiedere più di un preventivo.

Vanno aggiunte alle spese notarili anche le seguenti imposte:

  • Imposta di registro: pari al 9% del valore catastale dell’immobile (al 2% se si tratta di acquisto di prima casa)
  • Imposta catastale – che ammonta a 50€
  • Imposta ipotecaria – anche questa pari a 50€
  • Aliquota IVA – varia dal 4% al 22% (4% per la prima casa, 10% per la seconda casa, 22% per un’abitazione di lusso)

L’acquisto di un immobile prevede anche una serie di passaggi burocratici, di documenti da leggere, compilare, firmare e ricontrollare, azioni che possono complicarti la vita a meno che tu non decida di affidarti a degli specialisti del settore che ti aiuterebbero nelle pratiche burocratiche e ti consiglierebbero nella scelta della casa che più si avvicina alle tue esigenze. Dunque tra le spese bisogna preventivare anche l’eventuale provvigione dell’agenzia immobiliare che in genere si pattuisce all’inizio della collaborazione, in caso contrario è regolata dal giudice secondo equità.

Valuta eventuali spese di ristrutturazione, di arredo e del trasloco

Stabilisci quanto anticipare sul mutuo, calcolando che maggiore è l’ammontare dell’anticipo, minore sarà l’importo della rata o la durata del mutuo.

Fissáti questi punti è ora il momento di focalizzare l’attenzione sul tipo di immobile che vuoi acquistare (casa indipendente, appartamento, villetta bifamiliare…), in quale quartiere, se preferisci vivere vicino a lago o nell’entroterra, ricordandoti che la somma di denaro che hai a disposizione condiziona le tue scelte.

Decidi quanto desideri che sia grande la tua casa, di quanti vani vorresti che fosse composta, quali caratteristiche specifiche vuoi che abbia (balconi/terrazzo/giardino/piano/numero di bagni…), a quali cose non vuoi assolutamente rinunciare e su quali, invece, potresti soprassedere.

Fai un elenco delle cose importanti da osservare durante la prima visita e di informazioni da chiedere al proprietario/agente immobiliare.

Puoi iniziare la tua ricerca sul web, dove troverai diversi annunci con foto e riuscirai ad avere un’idea più chiara su cosa puoi realmente acquistare con la somma di denaro che hai a diposizione.

Muoversi da soli nella giungla del mercato immobiliare può avere i suoi pro e i suoi contro. Sicuramente risparmieresti sulla provvigione dell’agente immobiliare, ma per contro, come abbiamo già visto, ti troveresti a dover sbrigare da solo diversi aspetti burocratici di cui non sei pratico cercando, nel contempo, di evitare un investimento sbagliato. In oltre il mercato tramite agenzia propone una gamma più ampia di immobili e l’agente può aiutarti nella scrematura di quelli che più si addicono alle tue esigenze e rispecchiano le tue richieste.

Una volta individuato l’immobile da acquistare, prima di fare una proposta, ti consigliamo di fare un secondo sopralluogo per verificare che la casa abbia tutto in regola. Se non ritieni di avere le competenze necessarie per questa valutazione, puoi pensare di farti accompagnare da un amico dall’occhio critico o avvalerti della consulenza di uno specialista. Chiedi di verificare i dati catastali, se ci sono problemi il mutuo non ti verrebbe concesso. Contatta l’amministratore di condominio per assicurarti che non siano previsti nel breve termine interventi di manutenzione allo stabile, nel caso fossero già stati deliberati, potresti usare l’informazione per trattare ulteriormente sul prezzo.

Se sei convinto e hai deciso di fare un’offerta, ricordati che il prezzo richiesto è sempre leggermente gonfiato. A volte, da una chiacchiera con l’agente immobiliare, puoi già capire se e quanto il proprietario è disposto a trattare. Non fare offerte troppo basse, comporterebbero solo una perdita di tempo, se vuoi aggiudicarti l’acquisto, orientati tra il 5% e il 10% in meno rispetto alla cifra richiesta.

Ora hai le informazioni fondamentali per cominciare la tua avventura nella ricerca della casa, fanne tesoro e buona fortuna.